Per e' Palumm, Ragù e sapori di altri tempi. - martedì 25 novembre 2014


o meglio, detto per e' palumm. Come non pensare a quelle domeniche napoletane, dove l'intera famiglia si raduna intorno ad un tavolo, dove il mito del ragù diventa mezzo per il culto della famiglia. E come non pensare ad Eduardo, al suo lavoro Sabato, domenica e lunedì (1959), capolavoro drammaturgico dell'esercizio e del ritrovo familiare. Ecco: in questo contesto si inserisce il nostro Piedirosso: con la sua rete tannica ad assorbire i sughi, la sua sapidità a contrastare le tendenze dolci del pomodoro, la sua acidità per ripulire le grassezze della carne, i suoi profumi a ricordare campagne e terre flegree. La sua struttura, il suo corpo per incontrare il Ragù napoletano. Incontro di vertice, di tradizione; incontro tra "Miti" di territorio. E come non ricordare Lui, il Mito Teatrale. Eduardo e il suo Ragù:

'O 'rraù

'O rraù ca me piace a me
m' 'o ffaceva sulo mammà.
A che m'aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.
Io nun songo difficultuso;
ma luvàmmel' 'a miezo st'uso

Sì,va buono: cumme vuò tu.
Mò ce avéssem' appiccecà?
Tu che dice? Chest' 'è rraù?
E io m' 'o  mmagno pè m' 'o mangià...
M' ' a faja dicere na parola?...
Chesta è carne c' ' a pummarola

 Buona degustazione!